Per l’artista le emozioni sono riflesse nella densità della pennellata, nel tono della nota, nell’esuberanza del salto, nella scelta degli aggettivi e nell’espressione dei sentimenti. La grande arte e’ constituita da una miscela di emozioni, di creatività, di abilità e di volontà di comunicare. Gli artisti sono individui incredibilmente sensibili, che spesso vivono al di fuori delle leggi della classe borghese – e menomale che sia così. La loro sperimentazione ed esplorazione di vita gli offre svariati punti di vista che inoltre aiutano anche gli altri con l’ispirazione, la speranza e la convinzione che esista un altro modo. L’artista conosce molto bene cosa sia l’imprevedibilità e tutte le lezioni che riguardano l'amore verso sé stessi, il disgusto verso sé stessi, lo scambio, la fiducia, l'approvazione, l'accettazione, i rischi e la fede (e l'elenco potrebbe continuare a lungo). E proprio queste lezioni diventano ilportale spirituale che permette agli artisti di sentire, di creare e di trovare la libertà tramite le scelte attraverso cui esprimono la loro vita. L'arte è una delle più grandi religioni conosciute dall'uomo. So che questa è una grande dichiarazione, ma è ciò in cui credo. Durante la mia vita ho conosciuto persone creative ammalarsi, perdere la direzione e rinunciare perché non stavano esprimendo la loro creatività. Contemporaneamente ho visto persone in contatto con le loro emozioni usare la loro creatività ed esprimere appieno il loro cuore, vivere di contentezza, felicità e libertà - che religione c’è meglio di questa?

Probabilmente le sfide più grandi per un artista sono sia quella di amare e avere fiducia verso sé stesso, sia quella di avere fiducia nel prendersi il rischio di esporre il proprio cuore, e di venire rifiutati, poiché così spesso, l’arte viene valutata secondo l’accettazione pubblica. E’ vero, ci sono parecchie eccezioni, e sicuramente è meglio per un’artista cercare di creare qualcosa perché si deve fare piuttosto che cercare di indovinare i gusti della gente. Di conseguenza, l’unica libertà che gli rimane sarebbe quella di esprimere qualcosa di così profondamente personale che aiuta tutti a connettere le nostre emozioni e il nostro spirito al poderoso flusso d’energia, consapevolezza e creatività Universale. Questa è la religione dell’artista che contiene alcuni dei poteri di guarigione più grandi conosciuti dall’Uomo. L’energia dietro questo tipo d’espressione apre le porte alla consapevolezza che siamo tutti uguali.

Magari potreste avere obbiezioni per quel tipo d’arte basata sulla rabbia, sulla violenza e sulla collera. A questo, mi piacerebbe rispondere dicendo che “c'è bisogno di tutti i colori nella tavolozza”, e che a volte bisogna sapere che cosa non piace prima di poter scegliere cosa fare. Il solo comprendere questo contrasto, aggiunge profondità alle nostre scelte. Personalmente sono interessato ai messaggi costruttivi di amore, di connessione, di guarigione e di libertà. Queste sono le mie preferenze. Per comprendere davvero l’amore che è dentro di me, ho dovuto imparare di più sulla mia rabbia. Questo mi conduce al punto focale di questo blog:

 Solitamente nel mio lavoro, ascolto, e interagisco con molti di artisti, in particolare con scrittori. Sono molto interessato ad aiutare quegli artisti a capire come navigare attraverso i dolori della vita, cercando constantemente  d’incoraggiare gli scrittori a scrivere attraverso le loro esperienze negative, cosicchè possano scegliere e imparare ad usare le emozioni negative, come ad esempio la rabbia, per creare e guarire. La maggior parte delle persone tende a chiudersi quando la loro rabbia è polarizzata, in genere essi si bloccano e trovano motivi per diventare improduttivi in ogni i settore della loro vita. Quello che sto cercando di insegnare alla gente è che è prorpio la scelta di utilizzare queste emozioni che le fa trasmutare. Scegliendo di utilizzare l'intensità della rabbia, si finisce per  mischiarci amore, e questo crea passione che può essere utilizzata nella propria arte. Scegliendo di usare i sentimenti di tristezza e malinconia, si finisce col mescolarci amore e questa ci porta a scoprire una grande compassione. Scegliendo di usare l'energia alterata della paura, si finisce col mescolarci amore, e questo ci porta a sviluppare un'intuizione e un istinto formidabili. E 'tutto quello che si fa con l'emozione che determina gli effetti che può avere su di noi.

Sono stato testimone di grandi aperture, quando la gente ha imparato ad usare i propri doni con la creatività, invece di farsi annullare da essa. Imparare ad diventare il proprio allenatore personale, il proprio direttore, il proprio agente, il proprio capo, il proprio studente e fan è uno degli sviluppi più impegnativi per l'artista. Alla fine si deve imparare a giocare tutti i ruoli e se ci si trova è in una magnifica atmosfera solidale con gli altri tanto meglio.

Creiamo, esprimiamo, amiamo, guariamo e continuiamo così! Love, David